Acqua torbida in piscina: cause e rimedi per pulire la tua vasca

Ti è mai capitato di rimuovere il liner e di trovare l’acqua torbida in piscina? Una sgradevole colorazione verdognola o biancastra che segnala un problema alla tua vasca.

La prima cosa da fare e non lasciarti travolgere dal panico. È vero, non si tratta di una semplice vasca piena d’acqua ma questo imprevisto potrebbe essere risolto facilmente.

La piscina, anche quelle più piccole e leggere, sono degli impianti ben accessoriati. L’automatizzazione del sistema di ricircolo, essendo un macchinario, potrebbe incepparsi.

Controlli in piscina: da dove iniziare?

Se ad avere l’acqua torbida è la tua piccola piscina gonfiabile allora la soluzione è molto semplice. Dovrai svuotare la vasca, ripulirla con un detergente specifico per il PVC e poi riempirla nuovamente.

La stessa operazione, però, non può essere applicata per le piscine di grandi dimensioni. Se sono dotate di di un impianto di filtrazione e ricircolo dovrai seguire un’altra procedura. Non importa sapere se hai una piscina frame, una vasca fuori terra con pannelli in acciaio o una interrata. In tutti i casi bisognerà intervenire per capire “dove” c’è stato un intoppo.

La prima azione che si adotta è quella del controllo dell’acidità dell’acqua. Se riscontri un Ph basso, però, la soluzione non è necessariamente quella di aumentare la percentuale di cloro.

Potrebbe essere necessario controllare:

  • la sabbia del filtro della piscina. La maggior parte dei casi non si tratta di un guasto all’impianto. È più probabile, invece, che sia finita la sabbia filtrante. In questo caso basterà reintegrare con le tue scorte e attivare un ciclo extra di pulizia della vasca.
  • Il cestello dello skimmer. Detriti e insetti che precipitano sulla superficie dell’acqua vengono raccolti dagli skimmer e bloccati all’interno di un cestello. Se il contenitore è pieno il processo potrebbe non concludersi perfettamente. Ed ecco che i residui epiteliari e cutanei, alghe e polvere, rimanendo nella tua piscina, contribuiranno a rendere l’acqua torbida.

Le cause legate all’acqua torbida

Una piscina ben tenuta è quella nella quale si vede in modo distinto il fondale della vasca. Questo è un piccolo ma efficace trucco per capire se la manutenzione è curata bene. Quando l’acqua inizia ad assumere sfumature del verdognolo, lattiginoso, grigiastro allora bisogna mettersi in allerta.

Nelle scorse settimane abbiamo approfondito i problemi legati all’acqua verde. Oggi, invece, voglio segnalare i rischi e le cause legate all’acqua torbida.

In particolare le principali cause sono legate a:

  • Composizione chimica dell’acqua;
  • Eventuali infezioni batteriche o virali.

Le analisi chimiche sull’acqua: quando e perché effettuarle

Che tipo di acqua hai utilizzato per riempire la tua piscina? Una domanda alla quale devi rispondere prima di riempire la vasca. Tra i valori da non sottovalutare c’è la “durezza”: un’acqua troppo ricca di calcare, infatti, potrebbe creare numerosi problemi.

Ti è mai capitato di vedere una pubblicità che promuove disincrostanti per elettrodomestici?

Con la piscina hai potenzialmente lo stesso problema. Il calcare si sedimenterà nel fondo. Il rischio non è solo quello di avere la superficie laterale o il fondale opaco. Il composto si sedimenterà nei filtri, nei tubi e in tutto l’impianto creando un’ostruzione.

Scegliere un’acqua demineralizzata ti permetterà di mantenere pulita e funzionante la tua piscina.

Se hai già effettuato questo controllo ma il problema persiste allora devi procedere con le analisi chimiche. L’acqua torbida, infatti, potrebbe essere il segnale di un’infezione batterica, virale o fungina.

Nel dubbio è sempre consigliabile non entrare nella piscina prima di aver ricevuto l’esito dei controlli.

Piscina acqua torbida

Conclusioni igieniche

Qualsiasi piscina necessita di una manutenzione ordinaria e straordinaria.

Nel primo caso bisognerà procurarsi scope, aspiratori o robot per piscina.

Nel secondo caso, invece, bisognerà monitorare il filtro, lo skimmer e, in generale, l’impianto. Uno sguardo attento, infine, va dedicato alla limpidezza dell’acqua.

Se dopo aver pulito la piscina e controllato i componenti l’acqua diventa nuovamente torbida devi affidarti a un centro analisi. L’acqua verde o lattiginosa potrebbe celare un’infezione batterica potenzialmente dannosa per i bagnanti.

In caso di infezione non dimenticare mai di ripulire l’impianto oltre che la vasca. Eventuali microorganismi potrebbero rimanere nascosti tra gli ingranaggi e continuare a contaminare l’acqua. È fondamentale utilizzare gli adeguati disinfettanti.

Da RS non dimentichiamo mai di spiegare ai nostri clienti che la piscina con l’acqua limpida non è solo “bella da vedere”. Oltre al fattore estetico c’è quello legato alla salute tua, dei tuoi familiari e ospiti.

Desideri una consulenza specializzata senza impegno?

Compila il form di contatto

13 + 11 =

Articoli correlati